Cammino ControCorrente

Bitmap 2

Scarica l'invito alla presentazione

“Nanà, met su i giuiei”. Mentre si prepara ad andare alla Scala, Senatore Borletti invita la moglie Anna a sfoggiare tutti i gioielli. È il 1918, La Rinascente è appena andata distrutta dalle fiamme e Senatore, proprietario del primo grande magazzino italiano, si preoccupa di cosa penseranno i banchieri che incontrerà a teatro quella sera. Vuole indurli a credere che la famiglia, nonostante l’incendio che ha devastato la sede di piazza Duomo, è ancora solida e pronta a ricominciare. E così sarà: La Rinascente risorgerà dalle ceneri e due anni dopo riaprirà al pubblico.

Ilaria Borletti Buitoni, che proviene da una importante dinastia imprenditoriale lombarda, inizia così il suo racconto a metà tra un’autobiografia e un affresco dell’Italia che va costruendosi all’inizio del secolo scorso, dove piccole realtà locali si trasformano presto in imprese di rilevanza nazionale e dove il successo non è dovuto ai privilegi ereditati ma all’impegno e alla lungimiranza.

Ecco quindi una storia familiare che si intreccia con le vicende del Novecento italiano e che ha inciso profondamente sulle scelte e sul carattere della stessa autrice, determinandone azioni e atteggiamenti spesso non convenzionali e quasi sempre controcorrente. In questo libro i ricordi si susseguono, dall’infanzia protetta negli anni del boom economico alla dissoluzione anche tragica di una famiglia e di un’epoca; dall’impegno sociale degli anni africani all’esperienza imprenditoriale all’estero, fino alla scelta di entrare in politica, occasione per un’analisi più ampia, acuta e profonda del momento attuale.

Una narrazione senza retorica e coinvolgente, tra verità e ironia, di un tempo lungo quasi un secolo.