SI ALLA VIA DELLA SETA, NO A DISNEYLAND

steamboat-willie-fountain-compressed-night-shanghai-disneyland
Ieri a Venezia sono intervenuta alla giornata conclusiva dell’inaugurazione dell’anno del Turismo Italia-Cina, durante il quale è stato stimato l’arrivo di un flusso di 50 milioni di turisti cinesi verso il nostro Paese.
Un numero impressionante, che una città fragile come Venezia – meta irrinunciabile per tutti i turisti che visitano il nostro Paese – sicuramente non può permettersi: è necessario mettere in campo iniziative efficaci di gestione dei flussi – ad oggi annunciate ma non ancora effettive – ma non è e non sarà sufficiente: serve una pianificazione di medio-lungo termine che promuova visite in bassa stagione e punti su itinerari diversificati non solo all’interno del centro storico ma in tutta l’area dell’Alto Adriatico.
Non lasciamo che una delle città più belle del mondo diventi una Disneyland lagunare.