NATURE URBANE: A VARESE GRANDE E MERITATO SUCCESSO DEL FESTIVAL DEDICATO AL PAESAGGIO E AI GIARDINI

8841019710_edf3257e1c_b

Si è conclusa ieri a Varese l’edizione d’esordio del festival “Nature Urbane”, una manifestazione unica in cui protagonisti indiscussi sono stati il paesaggio e la cultura. Con un fittissimo calendario di 200 iniziative in 10 giorni, Nature Urbane ha avuto un riscontro eccezionale di presenze, segno della crescente sensibilità dei cittadini ai temi dell’ambiente e del paesaggio, con l’ambizione che Varese ne diventi un riferimento nazionale.

Sono rimasta molto colpita dal fatto, per nulla scontato, che un’amministrazione comunale abbia investito le proprie risorse, molto spesso esigue, in un’iniziativa di questo genere: in maniera del tutto pionieristica, il comune di Varese ha allacciato un rapporto con i cittadini attorno ad un tema che è l’essenza stessa della città e della sua identità culturale, in un’ottica non solo esclusivamente conservativa, bensì orientata a promuovere l’idea del passaggio come ambito che racconta la storia di una comunità e con essa che muta. Il percorso di conoscenza che si è aperto con questa manifestazione ha portato migliaia di persone a leggere la propria città dal punto di vista paesaggistico e questo è certamente un impulso verso una diversa consapevolezza che i cittadini avranno nei confronti del contesto in cui vivono.

Nonostante la tutela del paesaggio sia entrata in ritardo nell’agenda di questo Governo, ora appare evidente come la politica debba riconoscere il valore di questo tema poiché crediamo che la cultura e il paesaggio, segni dell’identità culturale di una comunità, possano essere anche motore di uno sviluppo economico e sociale diffuso.

Il nostro Ministero si è posto come obiettivi quello di incentivare il turismo culturale e sostenibile, buone pratiche per una gestione corretta del territorio, progetti orientati alla prevenzione del rischio idrogeologico e la creazione di infrastrutture che non distorcano l’ambiente circostante: i monumenti di cui il nostro Paese è ricchissimo, da soli, non sono sufficienti per essere attrattivi, se non ci rendiamo capaci di valorizzare anche le bellezze paesaggistiche che stanno loro intorno.